vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Wandering Baishizhou. Un racconto da Shenzhen

21FEB2020

/ DAMSLab

dalle 15:30 alle 18:00 - DAMSLab/Auditorium (piazzetta P. P. Pasolini 5b, Bologna)

WANDERING BAISHIZHOU
Un racconto da Shenzhen

Presentazione e proiezione
a cura di
Associazione culturale WUXU e DAMSLab


Saluti di
Roberta Paltrinieri
(Responsabile scientifico DAMSLab)

Intervengono in dialogo con l’artista Sabrina Muzi:
Lorenzo Balbi (Direttore del MAMbo – Museo d'Arte Moderna di Bologna)
Silvia Grandi (Curatrice e Docente dell'Università di Bologna)
Zheng Ningyuan (Artista, fondatore dell’associazione WUXU)

Modera:
Leonardo Regano
(Curatore)

 

"Wandering Baishizhou" è un viaggio immersivo all’interno della realtà quotidiana di Baishizhou, il più grande e vivace villaggio urbano cinese di Shenzhen.
Raccontato attraverso l’esperienza di un mese vissuta dall’artista all’interno del villaggio, il progetto ha coinvolto la comunità del luogo culminando nella realizzazione di un film. Il progetto nasce nel corso di una residenza trascorsa dall’artista Sabrina Muzi nel giugno del 2017, a Shenzhen, megalopoli simbolo e motore dello sviluppo economico cinese. Invitata da Handshake 302 Art Center, spazio indipendente e gruppo creativo di artisti e antropologi, a lavorare sul luogo, l’artista ha trascorso un mese nel villaggio urbano di Baishizhou, vivendo in uno dei tanti mini appartamenti, generalmente locati ad immigrati lavoratori, situati all’interno degli handshake building, tipici palazzi così chiamati perché posti vicinissimi tra loro.
I villaggi urbani sono un frequente fenomeno di urbanizzazione, agglomerati ad alta densità di popolazione generalmente situati nelle moderne metropoli asiatiche.
Il vivace villaggio di Baishizhou si trova nel centro di Shenzhen, composto da una comunità in continuo divenire, grazie all’incessante flusso migratorio proveniente da varie parti della Cina ed è inserito in un piano di riqualificazione urbana che ne prevede la demolizione nel giro di pochi anni.
Il progetto, di natura partecipativa, si è sviluppato in diverse fasi: il coinvolgimento dei residenti, la creazione di abiti, performance, scatti fotografici, ed è culminato nella realizzazione di un film. Dopo una serie di relazioni instaurate con gli abitanti, l’artista ha raccolto vestiti ed oggetti donati dagli stessi per realizzare nuovi abiti poi indossati da tre residenti che hanno performato in vari luoghi di Baishizhou.
Il film "Wandering Baishizhou", terminato nel 2019, segue le soste e i movimenti dei tre performer, che come custodi e spiriti protettori dei luoghi, ci accompagnano alla scoperta della vita del villaggio.
La presentazione, che precederà la visione del film, sarà arricchita dalla proiezione di immagini dei vari luoghi di Baishizhou, dei momenti d’incontro con la gente del posto e delle fasi di costruzione del lavoro artistico. Tornata sul luogo recentemente, Sabrina Muzi, mostrerà anche alcuni scatti fotografici sulle trasformazioni che a due anni di distanza riguardano la sorte del villaggio.

Seguici su: