vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Proiezione del film "La donna elettrica"

29MAG 2019

/ DAMSLab

dalle 20:00 alle 23:30 - DAMSLab/Auditorium (piazzetta P. P. Pasolini 5b, Bologna)

Proiezione del film La donna elettrica, 2018

Regia di Benedikt Erlingsson

Prima serata della
Rassegna di cinema sostenibile Il nastro verde
Una rassegna cinematografica per sensibilizzare, educare e diffondere i valori di conservazione e cura dell’ambiente e di rispetto dei valori umani e culturali ispirati alla Madre Terra.

a cura dell'Area edilizia e sostenibilità dell'Università di Bologna in collaborazione con il Dipartimento delle Arti

 

Il progetto mira alla pianificazione di una rassegna per la programmazione di pellicole cinematografiche di formati e generi diversi (dal lungometraggio al cortometraggio, dal documentario alla fiction, dall’animazione al reportage) dedicate alla tematica ambientale. L’idea è di usare il cinema come lo strumento ottimale per avvicinarci alla comunità e sensibilizzare su temi ambientali che ci riguardano tutti come abitanti del pianeta. I temi centrali della rassegna ruoteranno quindi attorno all'ambiente, alla biodiversità e al rapporto tra l'uomo e il suo ambiente naturale, sociale e culturale, al fine di sensibilizzare, educare e diffondere i valori di conservazione e cura dell’ambiente e di rispetto dei valori umani e culturali ispirati alla Madre Terra. Le pellicole dovranno essere scelte privilegiando una visione integrata, critica e ottimistica al fine di informare, sensibilizzare e contribuire a migliorare la qualità della vita della nostra comunità e del nostro pianeta.

Ogni proiezione sarà preceduta da un trailer della Rassegna di sensibilizzazione sui temi della sostenibilità così come si stanno affrontando attraverso i diversi progetti del Multicampus Sostenibile e da un intervento di una personalità di rilievo in ambito scientifico e sociale che spiega i motivi della scelta della pellicola. Una serata sarà dedicata a un contenuto fruibile da adulti e bambini.

Seguici su: