vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Performing robots: una danza per Lucy

04APR 2019

/ DAMSLab

dalle 16:00 alle 18:00 - DAMSLab/Teatro (piazzetta P. P. Pasolini 5b, Bologna)

a cura del
Gruppo interdisciplinare di ricerca "Performing robots"

 

Nell’autunno del 2018 nove docenti e ricercatori Unibo fondano il gruppo interdisciplinare di ricerca “Performing robots”. Il gruppo, che mette assieme e in dialogo competenze e orizzonti di indagine legati agli studi teatrali, antropologici, ingegneristici, dell’intelligenza artificiale e della psicologia, propone un primo appuntamento per condividere l’avvio della propria ricerca con gli studenti Unibo al fine di raccogliere feedback e testare le ipotesi iniziali di lavoro.
L’incontro ospiterà una dimostrazione di danza di Lucy, un robot umanoide NAO prodotto da Softbank Robotics e in uso al DISI per vari progetti di ricerca. A Lucy sono stati insegnati alcuni kata (modelli codificati di movimento) del teatro-danza giapponese nō come inizio di un percorso che la porterà a sviluppare capacità autonome nel creare partiture coreografiche. A seguito della dimostrazione gli studenti saranno coinvolti in interviste per contribuire concretamente allo studio in corso.

Gli studenti che volessero partecipare possono prenotare (fino a esaurimento posti) scrivendo a


Maggiori informazioni sul gruppo di ricerca:
Le performing arts orientano la loro efficacia estetica e comunicativa intorno a tecniche del corpo più o meno codificate e, là dove presenti, definite secondo le tradizioni artistiche di riferimento. La corporeità è la materia sulla quale opera il performer, impegnato ad affinare e ampliare le proprie potenzialità espressive: un lavoro che conduce il corpo biologico a farsi corpo d’arte, “nuovo”, a suo modo “artificiale”. Da qui la serie di nessi che si possono istituire tra la corporeità e la tecnologia, tra corpo robotico e l’intelligenza artificiale che lo muove e ne stabilisce possibilità e limiti in termini di dinamica, precisione, creatività.
Il gruppo di ricerca definisce il proprio campo di indagine in modo dinamico attorno al fulcro costituito dal corpo artificiale – umano e robotico – includendo fenomeni e casi di studio che interessano i molteplici approcci disciplinari che lo costituiscono. Dall’interazione scenica tra performer umani e robotici, a studi sull’analisi del movimento corporeo indotti attraverso biofeedback tecnologici o, ancora, sui processi creativi autonomi dell’intelligenza artificiale, dagli impatti socio-antropologici della robotica a quelli psicologici e cognitivi, alla sua applicazione in ambito performativo, dalla ridefinizione dell’immaginario contemporaneo, ai modi di divulgazione delle tecnologie mosse da intelligenza artificiale per mezzo dei linguaggi performativi.

Il gruppo è ad oggi composto da:
Matteo Casari, Enrico Pitozzi, Cinzia Toscano (Dipartimento delle Arti)
Paola Mello, Michela Milano, Andrea Roli, Allegra De Filippo (Dipartimento di Informatica - Scienza e Ingegneria)
Alessia Tessari (Dipartimento di Psicologia)
Cristiana Natali (Dipartimento di Storia Culture Civiltà)

Seguici su: