vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Chi siamo

I volti di REAL lab

Roberta Bonetti

Roberta Bonetti

Referente Terza Missione del DISCI. Responsabile scientifica REAL lab educazione e apprendimento

Sono ricercatrice all’Università di Bologna (PhD in ‘Studi Religiosi: Scienze Sociali e Studi Storici delle Religioni’ e in ‘Anthropologie sociale, ethnographie et ethnologie’ presso l’Università degli Studi di Bologna in co-tutela con l’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi). Attualmente insegno Antropologia dell’Educazione, Antropologia Applicata e Tecniche della ricerca etnografica. Ho insegnato e continuo a fare ricerca in Antropologia e Design (Libera Università di Bolzano, SID - Padova, IED, NABA).
Ho condotto ricerche in diverse aziende e contesti educativi nel campo dei processi di apprendimento e ho scritto monografie e articoli su questi temi. Ho inoltre svolto ricerche e pubblicato  in antropologia dell’arte e del design in riviste internazionali come ResAfrican ArtsNka JournalCahier d’Études Africaines e ho tenuto seminari presso alcuni musei come il MOMA di New York, il Musée du quai Branly di Parigi e in varie università internazionali. Ho un’esperienza pluriennale nel campo della consulenza e della formazione, incentrate su un approccio sistemico nell’ottica della complessità. Mi interesso di processi creativi, e del modo in cui le persone apprendono e sperimentano cambiamenti nelle loro vite professionali o in contesti di educazione formale come la scuola e l’università.
Negli ultimi anni ho dato avvio a una serie di pratiche creative per vivere con i partecipanti l'esperienza di stare nel presente, di imparare a rispondere anziché reagire, di ascoltare quanto emerge nell'istante. Ho sviluppato da questi studi e da queste esperienze un paradigma dell'apprendimento che può applicarsi  alle organizzazioni e ai contesti educativi, che ho chiamato "Apprendere per relazioni" e che è descritto nelle mie ultime monografie Etnografie in Bottiglia 2019 e Apprendimento a KMZero (2020 seconda edizione).

Francesco Vettori

Francesco Vettori

Tutor didattico DISCI

Ho conseguito la laurea triennale in Antropologia Religioni e Civiltà Orientali (ARCO) con una tesi dal titolo Tornare ad apprendere: un'ipotesi sul valore dell'antropologia applicata al contesto scolastico nel marzo 2018, al momento sto frequentando il secondo anno della magistrale di Antropologia culturale e etnologia a Bologna. 

Mi occupo principalmente di antropologia dell'educazione e dell'apprendimento. Nel 2017 ho preso parte come tirocinante al progetto Sguardi Oltre: esperienze ai confini del quotidiano richiesto dal Comune di Scandicci, mentre nel 2019 ho partecipato al workshop Anthropology+Design = Human Spaces che si  è tenuto alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano (NABA). 

Al momento sono tutor didattico presso il Disci e rappresentante degli studenti del mio corso di laurea, curo i contenuti  presenti su REAL e gestisco gli aspetti tecnici del sito.   

Isabella Ciampi

Isabella Ciampi

Referente progetto LiveAble Future

Studentessa di antropologia. Sono interessata a comprendere la complessità del comportamento e dei processi umani studiando le interconnessioni che le persone fanno con l'ambiente in cui vivono. Amo evidenziare che l'esperienza di ognuno è legittima e coerente così come accade, perché ciò che si vive è ciò che si conserva, consciamente o inconsciamente. Desidero contribuire a generare processi di conservazione coscienti che conducano a esistenze significative.

Milli Ruggiero

Milli Ruggiero

Referente progetto cittadinanze plurali

Mi occupo dell’ideazione, coordinamento o facilitazione di progetti interculturali promossi da enti locali e rivolti al mondo della scuola o al territorio. L’obiettivo è sostenere il senso di appartenenza di tutti i cittadini a una comunità plurale e coesa, aperta al dialogo interculturale, accogliente e inclusiva, dove si partecipa attivamente alla vita della città.  
Dal 2000 lavoro presso i servizi educativi del Comune di Casalecchio di Reno (BO). Coordino, in rete con varie agenzie pubbliche e private, progetti di educazione interculturale, di facilitazione all’inserimento scolastico e territoriale di persone di recente arrivo in Italia, percorsi di apprendimento dell’italiano rivolti a studenti o donne straniere,  incontri di conversazione tra donne di varie provenienze, progetti di servizio civile o di tirocinio. Mi occupo anche della realizzazione di una rassegna annuale di eventi dedicati all’intercultura e della conduzione o organizzazione di incontri formativi e consulenze.  Il mio interesse è trasformare in patrimonio comune di un territorio il suo insieme di relazioni tra alterità, di appartenenze plurali, di saperi e spazi dell’incontro. Questa ricerca è collegata anche alla mia formazione, che comprende una laurea magistrale in Antropologia culturale ed etnologia dell’Università di Bologna con tesi in Metodologie della ricerca etnografica incentrata sulla storia di vita di una donna della diaspora rom kossovara.

 

 

Cristiana Natali

Cristiana Natali

Referente per la disabilità del DISCI

Dopo otto anni all'Università di Milano, dal 2013 lavoro all'Università di Bologna, dove sono stata prima docente a contratto, poi ricercatrice e quindi professoressa associata. Attualmente insegno Antropologia culturale, Antropologia dell'Asia meridionale e Metodologie della ricerca etnografica.

Dal 2000 ho condotto ricerche nei territori dei guerriglieri tamil dello Sri Lanka e tra i tamil della diaspora. Mi sono occupata a lungo di antropologia dei riti funebri e fin da studentessa mi sono interessata all'antropologia della danza, la quale è diventata uno dei miei temi centrali di ricerca, grazie anche alla collaborazione con artisti del settore.

Proprio attraverso la danza mi sono avvicinata al tema della disabilità e ho pensato che fosse importante, anche all'interno del contesto universitario, sviluppare progetti per sensibilizzare al tema.

Brenda Benaglia

Brenda Benaglia

Assegnista di ricerca DISA, collaboratrice CSI e cultrice della materia in discipline demoentoantropologiche

Lavoro nel campo dell’antropologia medica e del corpo con una prospettiva applicata e pubblica. I miei interessi scientifici riguardano principalmente l’ambito dell'antropologia della nascita e le politiche di cura. L'intersezione tra dinamiche corporee, vissuto personale e relazioni sociali è stato il punto di partenza al mio coinvolgimento nell'ambito del progetto REAL lab, in particolare nell'ambito della scrittura d'esperienza della disabilità. 

Ho svolto ricerca di campo in Ecuador e in Italia, occupandomi in particolare di accompagnamento alla maternità. All'Università di Bologna, sono stata tutor didattica per i corsi di Metodologie della ricerca etnografica e Antropologia culturale e insegno Introduction to anthropology per il curriculum in Global cultures del Master in History and oriental studies. Oggi collaboro anche con il Centro di Salute globale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Meyer di Firenze dove mi occupo di insegnamento e supervisione antropologica on-the-job nell'ambito del progetto I.C.A.R.E. - Integration and Community Care for Asylum and Refugees in Emergency.

Nicola Bardasi

Nicola Bardasi

Collaboratore del referente per la disabilità del DISCI

Ho conseguito la Laurea Magistrale in Antropologia Culturale ed Etnologia presso l’Università di Bologna nel marzo 2018 con una tesi in Antropologia Storica dal titolo Identità, etnicità e potere nelle relazioni interetniche ispano-mapuche nel XVIII secolo: scontri armati, evangelizzazione, parlamentos e scambi commerciali.

Dal 2017 ad oggi sono stato a più riprese tutor del progetto di Raccolta di Testi e Interviste sulla Disabilità dal quale è nato il volume Io a loro ho cercato di spiegare che è una storia complicata la nostra. Voci, esperienze, testimonianze sulla disabilità all'Università di Bologna (Bologna, BUP, 2018).

In tale veste ho partecipato alle Giornate di studio «Antropologia Medica & Disabilità», tenutesi a Perugia lo scorso 8 - 9 novembre 2019, dove ho presentato un intervento dal titolo Voci dalla disabilità tra sensibilizzazione e riflessione teorica

Enrica Chili

Enrica Chili

Collaboratrice al progetto "Finestre sul mondo: disabilità ed esperienza" in qualità di traduttrice volontaria

Mi sono laureata nel 2008 in Scienze antropologiche all'Università di Bologna con una tesi dal titolo Indian Gaming: strategie e compromessi nei casinò delle riserve indiane degli USA.

Nel 2011 mi sono trasferita a San Francisco per il Master in Antropologia visiva (Creazione, ripresa e montaggio di documentari). 

Nel 2012 mi sono recata in Tanzania per una ricerca sulle donne maasai.

Nell'ottobre 2012 sono nata per la seconda volta sulle colline imolesi.

Attualmente vivo a Bologna presso il Centro Residenziale per disabili Selleri Battaglia.