vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Didattica

Attraverso progetti di formazione, workshop intensivi e laboratori, REAL lab dialoga creativamente con i mondi della formazione continua e dell'educazione.

Cosa troverò in questa sezione? 

 

Qui potete consultare tutte le proposte, i progetti e le opportunità offerte nell'ambito della didattica e delle sue metodologie, dei percorsi formativi ed educativi per piccoli e grandi, degli insegnamenti, dei seminari offerti a studenti, insegnanti, educatori e formatori. 

Insegnanti e genitori tornano a scuola. Milano. Foto di Roberta Bonetti.

Formazione

 

La formazione è un contesto multiforme, ove applicare sperimentazioni ed innovazioni metodologiche che possano non solo fornire conoscenze, competenze didattiche e disciplinari, ma anche arricchire il modo stesso di pensare ed interpretare il mondo, di saper rispondere in modo creativo agli imprevisti che sempre più caratterizzano il nostro tempo. I metodi formativi vanno da quelli più classici, come la lezione frontale, il circle time, la classe rovesciata, e i giochi di ruolo, a quelli basati su approcci più partecipativi e collaborativi coma la ricerca azione partecipativa, sino a giungere a quella tipologia di approccio formativo incentrato sulla cura e la conoscenza di sé.

La nostra concezione di formazione non è da intendersi quindi in termini di acquisizione di nuove conoscenze, bensì in termini di apprendimento relazionale attraverso l'ascolto attivo e la conoscenza di sé. Per questo, anche l'ascolto delle emozioni che avviene "nel corso dell’incontro con l’altro durante la ricerca di campo, richiede un processo di ascolto di se nella relazione. Un paradosso è tuttavia subito evidente: se da un lato si considera sempre più importante la formazione della persona, si deve al contempo rilevare che ciò che manca nel percorso di formazione umanistica degli individui è proprio un percorso di crescita e di auto-ascolto della persona stessa. La scuola è sempre più preoccupata di produrre nozionismi e accrescere competenze ma non dedica sufficiente spazio alla formazione della persona in se, in particolare alla capacità di ascolto, come singoli in rapporto alle proprie emozioni nel corso della relazione/incontro con l’altro" (Bonetti, Apprendimento a KMZero, CISU, Roma).

Siamo troppo preoccupati di educare la personalità dei bambini da aver perso di vista che in primo luogo è l’educatore (genitore, insegnante,…) a dover educare e curare la propria personalità per svolgere il proprio ruolo con efficacia e in modo appropriato (Carl Gustav Jung. Lo sviluppo della personalità. Bollati Boringhieri).

Immagine: Insegnanti e genitori tornano a scuola. Milano. Foto di Roberta Bonetti.

Immagine: Workshop estivo. Comune di Levico. Foto di Claudia Magnani.

Workshop e Laboratori

 

Con workshop intendIamo riferirci al suo significato originario di laboratorio-officina in cui si costruisce materialmente qualcosa. Oggi, con workshop, ci si riferisce anche a momenti di incontro in cui tutti i partecipanti sono protagonisti attivi, discutono tra loro, condividono idee ed elaborano soluzioni, raggiungendo risultati tangibili. Non è importante se il risultato è materiale o immateriale, se dal workshop esce un idea di prodotto o un idea creativa, se si lavora ad un prototipo fisico o ad un concept astratto, l'importante è che il risultato sia frutto della contaminazione reciproca e della partecipazione di tutti. Un workshop si organizza per fare ricerca, per fare brainstorming, per cercare assieme nuove domande, o delle risposte a delle domande interessanti, condividendone tutti, organizzatori e partecipanti, l'esperienza progettuale.

Un laboratorio è un prezioso strumento formativo che grazie ad una forte componente d’interattività, stimola l’apprendimento attraverso il confronto e l’interscambio, non solo con il docente ma anche e soprattutto con gli altri partecipanti. Inoltre il Laboratorio consente ai presenti di sviluppare doti di team working, imparare ad ascoltare, ad ascoltarsi e ad auto valutarsi ed infine ad acquisire una maggiore sicurezza esibendosi e lavorando costantemente all’interno di un gruppo, un team appunto.

Immagine: Workshop estivo. Comune di Levico. Foto di Claudia Magnani.

Immagine: Seminario di antropologia, convegno SIAA.

Seminari e Convegni

 

Durante il corso dell'anno organizziamo seminari che, non di rado,  quando hanno un numero ridotto, assumono forme di carattere laboratoriale. Si tratta di esperienze di studio e di approfondimento di un tema, che sfociano in momenti di lavoro di gruppo intervallati da condivisione di idee e riflessioni.

I Convegni, a loro volta caratterizzati anche da spazi dedicati a workshop e laboratori, sono momenti di  incontro in cui persone esperte e preparate portano contributi con l’obiettivo di confrontarsi fra loro e con i convenuti.  I convegni, infatti, non sono occupati soltanto dalle relazioni e dal dibattito fra esperti ma si caratterizzano da momenti di partecipazione, dibattito, riflessioni con l'intento di sollecitare e arricchire tutti i partecipanti. 

Immagine: Seminario di antropologia, convegno SIAA.

Immagine: Camminare su una carta geografica. Foto di Roberta Bonetti.

Metodologie didattiche

Lo studio del contesto e la specificità di ogni situazione ci preserva dalla possibilità di adottare soluzioni semplicistiche. I diversi progetti presenti su REAL-lab si caratterizzano per una metodologia ibrida che combina diversi stili e diversi approcci in un'ottica che privilegia l'attenzione per ciò che emerge dal campo piuttosto che dalla presunta affidabilità di un metodo rispetto all'altro. 

Nell'ambito educativo impieghiamo principalmente la ricerca-azione teorizzata da René Barbier, un approccio trasformativo di lungo periodo che si basa sull'individuazione dei bisogni dei soggetti coinvolti in prima persona assieme al ricercatore per migliorare la situazione presente, senza rinunciare a stili più semplici, sempre incentrati sulla relazione e la persona come il jigsaw o l'insegnamento capovolto. Una singola iniziativa può impiegare anche diverse metodologie didattiche a sottolineare come l'aspetto processuale sia un elemento che riveste un'importanza fondamentale per il nostro lavoro. 

Immagine: Camminare su una carta geografica. Foto di Roberta Bonetti.