EYE2021: gli studenti del Punto Europa di Forlì ospitati dal Parlamento Europeo

Gli EU Jr. Expert sono stati a Strasburgo in occasione dello European Youth Event 2021.

EYE 2021: a Strasburgo gli EU Junior Experts del Punto Europa di Forlì partecipano al più importante dialogo con i giovani sul futuro dell’Europa

 

Dal Next Generation EU, alla Conferenza sul Futuro dell’Europa fino allo Stato dell’Unione 2021, i giovani europei sembrano essere tornati in cima alla lista delle priorità dell’Unione europea. Di fronte alla plenaria di Strasburgo il 15 settembre, così si esprimeva la Presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen: «Se vogliamo plasmare la nostra Unione a loro immagine, i giovani devono poter plasmare il futuro dell’Europa. La nostra Unione deve avere un’anima e una visione in cui i giovani possano credere. […] Per questo motivo proporremo che il 2022 sia l’anno europeo dei giovani». È anche e soprattutto sulla scia di questa ritrovata centralità che il Punto Europa di Forlì, attraverso i suoi EU Junior Experts, sarà in prima linea nei lavori e nelle attività organizzate in occasione dello European Youth Event (EYE) 2021, l’evento per i giovani europei promosso  dal Parlamento europeo che si aprirà online il prossimo 4 ottobre, per poi prendere il via a tutti gli effetti l’8 e il 9 ottobre, quando gruppi giovanili ed associazioni provenienti da tutta Europa si incontreranno all’ «EYE Village» di Strasburgo . Cerchiamo quindi di capire cos’è l’EYE, come nasce e le istanze che le nostre studentesse e i nostri studenti cercheranno di portare con loro.

 

L’Europa in ascolto dei giovani

Lo European Youth Event è un’iniziativa che riunisce a Strasburgo - città che ospita la sede ufficiale del Parlamento europeo - i giovani provenienti da tutta l’Unione per il perseguimento di un obiettivo fondamentale: la partecipazione attiva delle nuove generazioni in un dibattito sul proprio futuro, sul futuro dell’Europa. L’ambiente e lo spirito istituzionale aprono all’attivismo e alla passione giovanili, per animare le discussioni su tematiche specifiche attraverso la partecipazione a diverse attività in cui l’impegno politico si compie nel segno della collaborazione, del divertimento e dell’inclusività. In questo modo si realizza un interscambio culturale dove poter apprezzare appieno il valore della diversità, in tutte le sue accezioni. Dal suo esordio nel 2014 con al centro temi quali la disoccupazione, la rivoluzione digitale, il futuro dell’Europa, la sostenibilità e i valori europei, l’EYE si è poi ripetuto con successo ogni due anni, toccando picchi di partecipazione di più di 8.000 partecipanti e giungendo così alla sua quarta edizione. Ripensato in versione ibrida, per superare le difficoltà imposte dal Covid-19, al termine delle attività EYE raccoglierà idee e proposte in un documento ufficiale, che verrà sottoposto all’analisi delle istituzioni europee.

 

Sostenibilità e democrazia ad EYE 2021: disegniamo il nostro futuro

Due sono i filoni principali lungo i quali si svilupperà questa edizione di EYE: la Conferenza sul futuro dell’Europa (CoFoE) e la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP26), ospitata da Regno Unito e Italia. In entrambi i casi, si tratta di due snodi cruciali per i decenni a venire. La CoFoE ha il compito di riflettere su limiti e opportunità del progetto di integrazione europea, valutandone i progressi sin qui compiuti in una prospettiva ampia e trasversale, non escludendo anche la revisione dei trattati. Dopo Agenda 2030 e gli Accordi di Parigi, tutto il mondo, soprattutto i più giovani, guarda con fiducia alla COP26, chiedendo ai Governi dell’intero pianeta di assumere impegni vincolanti per limitare il riscaldamento globale, prima che i danni all’ecosistema diventino irrimediabili, visto che i risultati finora ottenuti si sono rivelati un palliativo insufficiente. Nel mezzo però, saranno offerte diverse occasioni per riflettere su alcune tra le principali sfide attuali per le democrazie occidentali, dall’importanza della qualità dell’informazione per contrastare le fake news alla governance di fenomeni complessi, come la migrazione mondiale o il delicato equilibrio tra sicurezza della cittadinanza e rispetto dei diritti umani. I giovani non saranno quindi semplici destinatari passivi: essi saranno il perno centrale di questo processo di dialogo e confronto, attorno al quale si susseguiranno i maggiori decisori politici europei!

Da Forlì a Strasburgo: il Punto Europa vi apre le porte del Parlamento europeo

Il Punto Europa di Forlì intende allargare virtualmente la partecipazione ad EYE 2021, per mezzo del racconto e dei contributi dei suoi EU Junior Experts. Sui canali social del Punto Europa (Facebook, YouTube, Instagram, Twitter e Linkedin) saranno pubblicati i nostri aggiornamenti sulle principali iniziative e soprattutto sull’esito dei momenti di dibattito e confronto. I contenuti più significativi saranno poi raccolti su questa pagina, così da renderli più accessibili, creando un vero e proprio diario di bordo elettronico! In particolare, al termine dell’esperienza sarà realizzato un «travel vlog», un video che riassumerà l’esperienza che vivranno le giovani studentesse e i giovani studenti del Corso di Laurea magistrale in Scienze internazionali e diplomatiche del Campus di Forlì - Università di Bologna. Per seguirci e rimanere aggiornati, non vi resta che visitare le nostre pagine social!  

 

 

 

#EYE2021: il nostro vlog dell'Evento europeo dei giovani

Gli EU Junior Expert selezionati dal Parlamento europeo per partecipare all'edizione 2021 dell'«European Youth Event» raccontano la loro esperienza a Strasburgo, le attività svolte e i contributi offerti nell'ambito della Conferenza sul Futuro dell'Europa.

Non perdere questo contenuto. Accetta i cookie di YouTube.

Rivedi le tue preferenze

Accetta i cookie

#EYE2021: il nostro racconto

𝗗𝗼𝗽𝗼 𝗹𝗮 𝗽𝗮𝘂𝘀𝗮 𝗲𝘀𝘁𝗶𝘃𝗮, 𝗿𝗶𝗰𝗼𝗺𝗶𝗻𝗰𝗶𝗮𝗻𝗼 𝗴𝗹𝗶 𝗶𝗻𝗰𝗼𝗻𝘁𝗿𝗶 𝗼𝗻𝗹𝗶𝗻𝗲 𝗱𝗲𝗹 𝗣𝘂𝗻𝘁𝗼 𝗘𝘂𝗿𝗼𝗽𝗮 𝗱𝗶 𝗙𝗼𝗿𝗹𝗶̀ Le studentesse e gli studenti EU Junior Expert del Corso di Laurea magistrale in Scienze internazionali e diplomatiche vi aspettano in compagnia di Fondazione Antonio Megalizzi, RadUni, Europhonica, OnehourforEurope e DiasporavoteEU, per raccontare la loro esperienza ad EYE2021, il più grande evento europeo dedicato ai giovani organizzato da selezionati da Parlamento europeo.

Non perdere questo contenuto. Accetta i cookie di YouTube.

Rivedi le tue preferenze

Accetta i cookie