vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Cosa sono I lunedì degli Ariani

Il Laboratorio di storia culturale e religiosa «I lunedì degli Ariani» è innanzi tutto una fabbrica e un motore virtuale di idee.

Il nome è stato scelto per la vicinanza tra il Dipartimento di Beni Culturali (la nostra sede nel Campus di Ravenna dell'Università di Bologna) e il Battistero degli Ariani, e per il fatto che i nostri primi incontri informali si svolgevano sempre di lunedì. Siccome ci sentiamo anche un po’ eretici e amiamo metterci in discussione, quando siamo cresciuti abbiamo voluto mantenere il nome iniziando a programmare i nostri eventi anche negli altri giorni della settimana.

Alle iniziative del Laboratorio possono partecipare tutti coloro che si riconoscono nei nostri interessi di ricerca, al centro dei quali vi sono i miti, i riti e le forme di comunicazione simbolica attraverso i corpi, gli oggetti e le immagini dall'Antichità all’Età contemporanea. Una particolare attenzione è dedicata ai metodi e all’epistemologia degli studi storico-culturali, storico-religiosi e storico-antropologici.

Il Laboratorio promuove seminari, conferenze, presentazioni di libri, tavole rotonde, convegni. La nostra pagina Facebook segnala quotidianamente bandi, borse di studio, call for papers, seminari e convegni in Italia e all’estero inerenti la storia culturale e religiosa, con particolare attenzione alla storia delle società e delle culture cristiane e alla storia dell'immaginario; la pagina è aperta anche a discussioni e a brevi interventi su questi temi.

Responsabile scientifico del Laboratorio: Luigi Canetti, docente di Storia del cristianesimo e delle chiese e Direttore del Dipartimento di Beni Culturali.

Gestione del sito e delle comunicazioni a cura di Donatella Tronca, dottoressa di ricerca in Studi sul Patrimonio Culturale e cultore della materia di Storia del cristianesimo e delle chiese.

(Immagine tratta dal catalogo della mostra Treasures of Heaven. Saints, Relics and Devotion in Medieval Europe, ed. N. Bagnoli et al., The British Museum Press, London 2011, p. 88)

Seguici su: