vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

MEDITS

Descrizione del progetto di ricerca internazionale MEDITS

Mappa progetto MEDITS

"The MEDITS Project"

An international bottom trawl survey in the Mediterranean

Il progetto MEDITS è nato nel 1994 con la cooperazione di alcuni istituti di ricerca dei quattro stati membri dell'Unione Europea che si affacciano sul Mar Mediterraneo.

L'obiettivo è quello di condurre un monitoraggio di pesca a strascico demersale (di fondo) con metodologie, attrezzi e protocolli di campionamento standardizzati per tutti i partecipanti.

Il primo comitato di coordinamento è stato organizzato da Jacques Bertrand (come coordinatore internazionale fino al 2010), Luis Gil de Sola, Costas Papaconstantinou, Giulio Relini e Arnauld Souplet. Attualmente il coordinatore nazionale per l'Italia è Maria Teresa Spedicato (COISPA - Tecnologia e  Ricerca - Italy)

Il programma MEDITS è condotto attualmente all'interno della "Data Collection Framework DCF" (Programma di Raccolta Dati sulla pesca) reg. Consiglio Europeo n.199/2008, reg. Commissione Europea  n.665/2008, Decisione Europea n. 949/2008 e n. 93/2010. Il supporto finanziario è della Commissione Europea (Direzione Generale Mare - DG-MARE) e degli stati membri (per l'Italia il ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali - Mipaaf).

Un primo manuale operativo è stato preparato alla nascita del progetto e a seguito di continue migliorie e implementazioni è arrivato alla sua 9° versione.

Attualmente gli stati coinvolti sono 9: Spagna, Francia, Italia, Slovenia, Croazia, Montenegro, Albania, Grecia e Cipro.

Il Laboratorio di Biologia Marina e Pesca di Fano è una della unità operative italiane e si occupa del monitoraggio della "geographical sub area 17 - GSA17" che corrisponde al Nord Medio Adriatico.