Didattica per la scuola

"L'insegnamento letterario si può concepire come una scommessa, una scommessa sulla possibilità che possa scoccare questo desiderio, questo piacere. Possiamo vincere questa scommessa, dobbiamo giocarcela. Questo è possibile se rinunciamo a un'idea di insegnamento letterario semplicemente come trasmissione, trasmissione di nozioni." (Guido Armellini)

Novità

Si propone l’aggiornamento quadrimestrale della sezione didattica di «Griselda».

Delle proposte contenute nella sezione “Percorsi”, le prime due (Nicolò Gavuglio, Un saggio di topologia classica: il ventre e Carlo Varotti, Abbuffate e parodie), sono accomunate dall’elemento tematico del ‘ventre’ e dell’assunzione di cibi: analizzato da Gavuglio come topos di denuncia morale; letto invece da Varotti come topos di lungo corso, dall’antichità al mondo moderno, legato alle forme della parodia e della deroicizzazione. La proposta di Simonetta Teucci (collaboratrice nota ai lettori di “Griselda/sez. didattica) propone un percorso di letture sulle figure femminili nella narrativa di ambientazione siciliana, procedendo a ritroso, dal recente romanzo di Stefania Auci (2019) per risalire ai classici Gattopardo e Mastro don Gesualdo.

Nella sezione “Dalla scuola”, è dal Liceo Sabin di Bologna che proviene il percorso didattico su lettura e robotica, firmato da Elisa Giusti. Racconto di un’esperienza didattica corredata di letture e di un ricco e suggestivo apparato iconografico.

Una coppia di proposte complementari è presentata nella sezione “Per capire il 900”. I due percorsi (di Cinzia Ruozzi e Carlo Varotti) propongono di parlare del Sessantotto e della sensibilità sociale e culturale che lo segnò, attraverso due tematiche specifiche: la riflessione sulla scuola, tra Lettera a una professoressa di Don Milani e dintorni; e il complesso processo di riforma dell’istituzione manicomiale, proponendo letture di letterati (Mario Tobino e Alda Merini), specialisti del settore (Franco Basaglia) e giornalisti (Angelo Del Boca).

Tra i libri recensiti ‘sub specie’ scolastico-didattica, si segnala nella sezione “Libri di oggi”, la distopia ecologico-apocalittica di Bruno Arpaia (Qualcosa, là fuori, Guanda 2016 – riletto da Raffaella Cornacchia) e il romanzo di Lorenzo Marone (Un ragazzo normale, Feltrinelli, 2018 – riletto da Carlo Varotti).