CONTENUTI

Il percorso formativo della scuola, multidisciplinare e trasversale, sarà articolato in una parte teorica e una di laboratorio, affiancate da testimonianze di addetti ai lavori e spettacoli serali. I temi previsti nella scuola sono elencati di seguito.

Parte Teorica

  • Scienza e società: perché raccontare la scienza e come viene raccontata 
  • La dimensione narrativa e immaginativa nella ricerca scientifica
  • La dimensione narrativa ed immaginativa nella didattica della scienza;
  • La narrazione della scienza nelle arti performative
  • La narrazione della scienza sui social

Ogni argomento sarà introdotto da una lezione introduttiva, a cui seguiranno due interventi rispettivamente di "approfondimento" e "testimonianza".

Parte Laboratoriale 

  1. Narrazione al microfono. Creare podcast di narrazione delle scienza (in presenza)

    Saper raccontare è un’abilità fondamentale per chi fa outreach e comunicazione della scienza, e saperle raccontare al microfono è particolarmente utile perché così si possono raggiungere pubblici vari e numerosi. Questo laboratorio affronta gli elementi fondamentali della narrazione al microfono con speciale attenzione alla preparazione di un episodio di podcast.


    Nel laboratorio verranno affrontati i seguenti argomenti:



    Gli ingredienti fondamentali di una storia

    Come adattare la storia per la registrazione radio
    Come parlare al microfono (tempo/ritmo)
    Utilizzo della musica (Come? Diritti musicali, musica royalty free, effetti sonori) 
    Quali strumenti usare (Microfoni, mixer e software. Come ottimizzare la registrazione per la voce)
    Esempi eccellenti
    Dove caricare i podcast e come renderli pubblici



    I partecipanti verranno divisi in gruppi. Ogni gruppo avrà il compito di elaborare un podcast di circa sette minuti. Il podcast dovrà incentrarsi su un argomento scientifico scelto dal gruppo e dovrà essere costruito secondo i criteri della narrazione (quindi non intervista o documentario didascalico). I podcast verranno ascoltati al momento della restituzione e riceveranno un voto del pubblico. I tre più votati saranno caricati sul sito di ONSCI per essere resi pubblici.

  2. Tempi e luoghi per pensare con la scienza: nuovi linguaggi per l’educazione STEM (blended)

     

    «Quando un sistema crolla, il linguaggio perde ogni presa sul reale. Le parole, invece di catturare cose e concetti come dovrebbero, restano sospese nel vuoto, inapplicabili. Da un giorno all’altro i libri di testo si fanno obsoleti e ogni gerarchia si deforma. Di colpo non sappiamo trovare termini e concetti che corrispondano alla realtà»(Andri Snær Magnason, Il tempo e l’acqua, 2021, Iperborea. p.12).

     

    Il Laboratorio è progettato e realizzato in collaborazione col progetto europeo FEDORA (www.fedora-project.eu) ed è dedicato, soprattutto, a docenti e educatori. Sarà occasione per prenderci del tempo e riflettere sulle difficoltà che i sistemi educativi stanno incontrando in questo momento di profonda trasformazione. Nel laboratorio analizzeremo e co-progetteremo attività di narrazione finalizzate a valorizzare il sapere scientifico come bussola per orientarsi nel mondo di oggi.  Attraverso le attività ripenseremo ai luoghi, ai tempi dell’educazione e alle relazioni tra scuola, conoscenza, società.

     

    Come stimolo per la progettazione di attività, saranno toccati i seguenti temi:

    La narrazione scientifica per educare al futuro, navigare nell’incertezza e agire nel presente (dal report europeo GreenComp);
    Racconti scientifici come macchine dello spazio e del tempo;
    Forme narrative per attivare l’immaginazione e mostrare la struttura epistemologica del sapere scientifico;
    Piccoli-grandi racconti di scuola e di ingegno in epoca di rivoluzione globale. 

     


    I partecipanti saranno divisi in gruppi e ogni gruppo avrà il compito di elaborare un prototipo di attività.

     

    I prototipi saranno presentati al momento della restituzione e, se il gruppo lo desidera, estratti saranno pubblicati sul sito di FEDORA e/o messi a disposizione per lo sviluppo di raccomandazioni europee per politiche educative.



 

Vai al programma ONSCI