vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Giovanni Previdi - Poesie

Fin a sira

A sèt óri, lé,

la g’ha zà i òch bèla vèrt,

alóra la tàca a fàras darént,

pianìn pianìn, l’am dà adòs,

acmé un cagnìn,

cun la sö zampina.

Ma mi gnént, indurmansà,

dür acmé un giarón,

an fàghi gnànca na piega.

Pó dòpu, am dasmìsi,

imbambulà, a vàghi in cusìna,

e a la càti cla lava i piàt

ad la sìra prima,

e a tachi a brasàrla, par da dré,

a dàrac di basìn in s’al còl.

Làsa lì, l’am dis, ca ma slìcia i bicér!

ma ag piàs, cum ag piàs.

Che bèl ca sarés,

ag dìghi, sa t’am dés,

adés ca g’ho d’andar via,

na tö tetìna, da tégnar in bisàca,

tüt al dì, fin a sira,

par fàrac ciao,

intànt ca sém luntàn,

méntr’a sérchi al fasulét.


La Dina

E a stàva lì, lugà in d’an cantón,

a gh’éva tri an, forse quàtar,

d’adré la góma ad la Mercedes ad Rocu,

in d’al garàs, in silénsi,

spétar la Dina, c’la gnés,

cun cal vèch camisón da nòt,

lóng fin ai pé, inbutunà fin al còl

e la cüfia ad d’la dòcia in cò,

la paréva un marsiàn,

e l’òiu al tacàva a böiar.

Pó dòpu la gnéva

e la tacàva a frìsar,

un parfùm e un parfùm!

c’am par c’am végna,

incóra adès, su par al nas.


Ècula

Ècula,

mi,

s’ i m’admànda,

a sarnirés la fìn ad setémbar,

quant a gh’è li móschi imbambìdi,

che s’ at ag dè ‘n cric cun al dì,

cumpàgn a paràr na brìsa zó dal tàul,

li va par tèra

e li sta lì c’ li par mòrti.


Ohoh

Ohoh,

cum am piàs,

apéna dasmisià,

tör al cafè a la fnèstra,

a sèt e mèsa

e scultàr la gatèra,

là dòp al parc,

di pütìn intànt ch’ i va dentr a scöla.

I pàr tüti gat in amór.

E ad córsa,

turnàr sübit a lèt,

che cumpagnìa!


Curniséta

Mè tesòr, scóltam,

an dic mia al nòstar stramàs,

i nòstar linsöi,

i nòstar cüsìn,

c’am parrés d’esageràr,

che chi è c’al sa, là da ‘d là,

quànt ca sarà óra,

al spàsi ca gh’è,

magari apéna un cantunsìn, is dà,

sa ‘n fém minga bèl, chi da ‘d tzà.

Mi, sól la curniséta,

am bastarés.

Dit chi s’la fa purtàr, tesòr,

cla tö curniséta,

cun la fòto ‘d ti al mar,

c’as vét la tö facia fin zó a li tö tetìni,

na pütína, quanti àn gh’évat lì?

quàtar o sìnc al màsim,

ca tat mòsghi un làvar cun c’al dentón ca végn föra,

ca ta strìchi un pò i òch,

ca par ca t’aspèti n’onda

ca t’è dré gnir in si pé.

Tesòr, ma scóltat,

dit ch’i s’la fa purtàr?



Fino a sera

Alle sette, lei,

ha già gli occhi aperti,

allora comincia a farsi vicino,

pianino pianino, mi dà addosso,

come un cagnino,

con la sua zampina.

Ma io niente, addormentato,

duro come un sasso,

non faccio neanche una piega.

Poi dopo mi sveglio,

imbambolato, vado in cucina,

e la trovo che lava i piatti,

della sera prima,

e comincio ad abbracciarla, per di dietro,

a darle dei bacini sul collo.

Smettila, mi dice, che mi scivolano i bicchieri!

ma le piace, come le piace.

Che bello che sarebbe,

le dico, se tu mi dessi,

adesso che devo andare via,

una tua tettina, da tenere in tasca,

tutto il giorno, fino a sera,

per farle ciao,

intanto che siamo lontani,

mentre cerco il fazzoletto.


La Dina

E stavo lì, nascosto in un angolo,

avevo tre anni, forse quattro,

dietro la gomma della Mercedes di Rocco,

nel garage, in silenzio,

aspettare la Dina, che venisse,

con quel vecchio camicione da notte,

lungo fino ai piedi, abbottonato fino al collo

e la cuffia della doccia in testa,

sembrava un marziano,

e l’olio iniziava a bollire.

Poi dopo veniva

e cominciava a friggere,

un profumo e un profumo!

che mi sembra che mi venga,

ancora adesso, su per il naso.


Ecco

Ecco,

io,

se me lo chiedono,

sceglierei la fine di settembre,

quando ci sono le mosche rimbambite,

che se gli dai un cric con il dito,

come per buttar una briciola giù dal tavolo,

vanno per terra

e stanno lì che sembrano morte.


Ohoh

Ohoh,

come mi piace,

appena sveglio,

prendere il caffè alla finestra,

alle sette e mezza

e ascoltare le urla,

là dopo il parco,

dei bambini intanto che entrano a scuola.

Sembrano tutti gatti in amore.

E di corsa,

tornare subito a letto,

che compagnia!


Cornicetta

Tesoro mio, ascoltami,

non dico mica il nostro materasso,

le nostre lenzuola,

i nostri cuscini,

che mi sembrerebbe di esagerare,

che chi lo sa, là di là,

quando sarà ora,

lo spazio che c’è,

magari appena un angolino, ci danno,

se non siamo buoni, qui di qua.

Io, solo la cornicetta,

mi basterebbe.

Dici che ce la fanno portare, tesoro,

quella tua cornicetta,

con la foto di te al mare,

che si vede la tua faccia fin giù alle tue tettine,

una bambina, quanti anni avevi lì?

quattro o cinque al massimo,

che ti mordi un labbro con quel dentone che viene fuori,

che stringi un po’ gli occhi,

che sembra che aspetti un’onda

che ti sta arrivando sui piedi.

Tesoro, mi ascolti,

dici che ce la fanno portare?