vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Orticoltura idroponica e microcredito per la sicurezza alimentare in alcuni distretti della città di Teresina nello stato del Piauì (Brasile)

PROGETTI DI RICERCA

Lo stato del Piauì (PI), uno dei più poveri del Brasile, presenta i peggiori indici di sviluppo dell’intero Paese e una grande difficoltà nello sviluppo sociale ed economico; molto dipende dalle particolari condizioni geografiche, fisiche, sociali e politiche della regione. L’obiettivo di questo progetto, iniziato nel 2005, è stato l’introduzione e la diffusione nelle aree periferiche di Teresina, capitale del Piauì, di sistemi colturali fuorisuolo (micro-orti idroponici semplificati) per la produzione di ortaggi per il consumo fresco. I beneficiari sono principalmente associazioni di donne in condizioni di estrema indigenza, riunite in Clubes de Mães (Club di Madri).

Con tale iniziativa si voleva perseguire due ordini di obiettivi: la sicurezza alimentare e lo sviluppo economico delle madri. Da un lato è infatti migliorata la qualità nutrizionale dei pasti somministrati alle famiglie ed in modo particolare ai bambini (impiego di ortaggi freschi), ma anche la possibilità di apprendere una nuova attività che ha incrementato le capacità reddituali delle madri povere. Il progetto ha inoltre promosso la partecipazione delle madri ad attività collettive che hanno permesso loro di rafforzare i vincoli di adesione e solidarietà.

 

Per rendere trasferibile e sostenibile tale progetto sono stati formati 20 giovani laureati locali e, sempre in ambito universitario/ didattico, il progetto è stato anche di supporto ad attività di tirocinio per quasi una quarantina di studenti provenienti da corsi di laurea o di Master di Università italiane.

 

 

 

Collaborazioni:

L’Università di Padova è prima promotrice e realizzatrice del progetto.

Specifiche attività sono state realizzate dall’Università di Bologna (Dipartimento di Scienze Agrarie) e dall’Università di Napoli.

Il progetto è stato finanziato da FAO e Regione Veneto ed è stato realizzato da Fundaçao Pe. Antonio Dante Civiero (FUNACI), Università Federale del Piauì, Prefettura di Teresina, Governo Federale del Brasile, Università di Padova e Università di Bologna.