vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

GardenstoGrow: orticoltura urbana per un'educazione della prima infanzia innovativa e inclusiva

STRATEGIC PARTNERSHIPS

Aumentare la qualità e l'equità dei servizi nell'educazione della prima infanzia è una priorità per tutti i paesi dell'UE e può dare un forte contributo, consentendo a tutti i bambini di realizzare il loro potenziale. L'orticoltura urbana si è rivelata un potente strumento per l'educazione, la socializzazione e l'inclusione e per migliorare il senso di appartenenza alla comunità.

GARDENStoGROW mira a fornire agli insegnanti dell'educazione della prima infanzia una metodologia didattica innovativa, strumenti e materiali per promuovere atteggiamenti inclusivi e acquisizione di competenze chiave da una fase molto precoce dello sviluppo infantile (0-6) attraverso l'orticoltura.Ciò è reso possibile grazie a una cooperazione equilibrata, transnazionale e complementare tra: scuole pre-primarie e primarie, musei per bambini / scienza / centri STEM, istituti di istruzione superiore e autorità educative locali.

 

A più lungo termine, il progetto avrà un impatto sulla qualità del settore dell'educazione della prima infanzia:

  • offrire a insegnanti e alunni di età compresa tra 0 e 6 anni l'opportunità di arricchire il loro curriculum e le competenze basate su un approccio non formale e pratico e uno strumento innovativo per l'inclusione sociale o gli alunni emarginati;
  • migliorare le capacità delle scuole di operare in partenariato con i principali attori locali, compresi i musei della scienza e dei bambini, i centri STEM, le fondazioni e i centri di ricerca / università;
  • valutare in una prospettiva a lungo termine l'efficacia e il ruolo dei seminari pratici extracurricolari basati sull'orticoltura urbana e sociale;
  • rafforzare la cooperazione tra pratica, ricerca e politica.


Grazie a GARDENStoGROW gli alunni e le famiglie, compresi quelli a rischio di emarginazione, potranno beneficiare di migliori servizi, attività pedagogiche innovative con insegnanti motivati. Troveranno nei giardini pilota un luogo di socializzazione e inclusione e maggiori opportunità di apprendimento e di contatto diretto con la natura.