Marco Biasin

Marco Biasin

Fondatore di FruttaWeb

A quale edizione dello StartUp Day hai partecipato?

La primissima, credo 2015

Ci racconti la tua startup? Di cosa si occupa, a chi vi rivolgete, che problema volete risolvere

FruttaWeb è nata con l'obiettivo di vendere ogni tipologia di frutta e verdura, compresa quella esotica e particolare, in tutta Italia, sia al consumatore finale che al mondo ho.re.ca. Oltre 1.500 prodotti disponibili a catalogo che soddisfano le esigenze quantitative e qualitative di un particolare gruppo di clienti.

Da chi è composto il team e cosa avete studiato?

FruttaWeb è stata fondata da me, partendo dalle competenze presenti nell'azienda di famiglia. Da subito ho inserito nel team colleghi universitari che mi hanno supportato molto.
A fine 2019 FruttaWeb è stata acquisita da Apofruit, la più grande cooperativa del settore ortofrutticolo in Italia, che ora la usa per commercializzare online i prodotti a marchio Almaverde Bio. Dal 2014 (data di fondazione) ad oggi è cambiata moltissimo.

Come ha influito il tuo percorso di studi nella nascita del progetto?

Il mio percorso di studi ha influito moltissimo. Ho avuto la fortuna di poter studiare e nel frattempo creare la mia startup. Questo connubio si è rivelato di fondamentale importanza, permettendomi di unire teoria e pratica ogni giorno.

Partecipare allo StartUp day come ti ha aiutato?

Mi ha aiutato per aprire la mente e creare network, due cose indispensabili. In più, mi ha messo in contatto con quello che, due anni dopo, sarebbe stato il Fondo di Investimento che per primo investì in FruttaWeb. Steve Jobs diceva che si è in grado di unire i puntini solo guardandosi indietro. Guardandomi indietro, startup è stata una tappa che mi ha permesso di unire molti puntini.

Quali sono le principali difficoltà che avete dovuto affrontare finora?

Trovare le giuste persone con cui collaborare e supportare la società con i giusti capitali

Quali sono i consigli che daresti a chi vuole creare una startup?

Tre consigli principali:

  1. 1. cercare negazione piuttosto che consenso, il primo ti fa crescere, il secondo è inutile
  2. 2. selezionare accuratamente le persone con cui collaborare, senza farsi prendere dalla fretta o dall'entusiasmo
  3. 3. partire snelli, non voler per forza fare tutto subito, ma mettere un piede davanti all'altro