vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Eventi trasversali

Bologna

Biblioteca comunale dell’Archiginnasio

Piazza Galvani, 1

Dal 4 giugno al 3 novembre

Dal lunedì al sabato 9.00-19.00; domenica e festivi 10.00-14.00

Come un incendio d’estate secca e ventosa. Vent’anni di Q, un libro rivoluzionario tra storia della stampa e Riforma. Mostra.

Mostra organizzata in occasione dei vent’anni dalla pubblicazione del romanzo Qdi Luther Blisset.

 

 

Bologna

Museo Ebraico

Via Valdonica 1/5

Dal 20 giugno al 6 gennaio 2020

La casa della vita. Ori e storie intorno all’antico cimitero ebraico di Bologna. Mostra.

 

 

Bologna

Museo Beata Vergine di San Luca

Piazza di Porta Saragozza 2/A

Dal 1 ottobre al 10 novembre

Martedì-giovedì 9.00-13.00 e 14.00-17.30; sabato 9-13; domenica 10.00-17.00

Santi accanto. Mostra di dipinti.

Mostra di dipinti di Roberta Dallara, che attualizza l’iconografia tradizionale di santi, e in particolare dei santi patroni di Bologna.

A cura del Centro Studi per la Cultura Popolare.

 

 

Bologna

Palazzo D'accursio

Manica lunga

Piazza Maggiore, 6

Dal 7 al 18 ottobre

Dalle 7.30 alle 18.30; domenica dalle 9.00 alle 18.30

Colori proibiti. Mostra di Maurizio Caruso.

Promossa dall'Associazione EstroVersi.

 


Monghidoro (BO)

Musei di Monghidoro e scuole

Ottobre/novembre. In orario scolastico o a richiesta concordando giorno e orario

Tante storie a confronto. Visita ai musei e laboratori per classi delle scuole Primarie e Secondarie di primo grado e altre persone interessate.

Monghidoro, nei primi anni del Novecento era un paese povero di quasi seimila abitanti. Il territorio, caratterizzato da alti rilievi, si prestava all’allevamento e alle culture boschive, non certamente a un’agricoltura intensiva. Era, quindi, un paese di forte emigrazione prima quasi esclusivamente stagionale: nella vicina Toscana per fare i carbonai, o addirittura in Germania, Francia e Belgio. Ma poi questa emigrazione divenne stanziale. Intere famiglie emigrarono in Francia e Belgio, tanto che la popolazione calò fino ad arrivare nel 1971 ai 2500 abitanti.  Oggi Monghidoro è un paese che accoglie immigrati da molti paesi, tanto che quasi il 10% della popolazione è di stranieri provenienti da più di 30 Nazioni diverse.

Da questa realtà nasce la necessità di mettere a confronto le storie di tante persone, di tanti paesi attraverso: interviste a nonni e genitori, alcune lettere e interviste, elencazione e classificazione degli errori ricorrenti delle lettere, mappatura dei luoghi di arrivo e di partenza, realizzazione di uno spettacolo da proporre sul territorio.

 

 

Bologna

Chiesa di Santa Sofia al Meloncello

Arco del Meloncello

19-20 ottobre e 26-27 ottobre

Ore 9.00-12.00 e 15.00-18.00

Cartoline e posta militare d’epoca. Mostra documentale.

Esposizione documentale di francobolli e cartoline aventi per tema soprattutto la Prima Guerra Mondiale.

A cura del Circolo Filatelico Emiliano e delCentro Studi per la Cultura Popolare.

 

 

Bologna

Orto Botanico ed Erbario

Via Irnerio, 42

Dal 19 al 27 ottobre

Dalle ore 9.00 alle 15.00

La vita di un Museo vivo.Mostra.

L’Orto Botanico dell’Università di Bologna è un Museo vivo che ha compiuto i suoi primi 450 anni e si appresta, come tutti gli organismi viventi, a una nuova fase della sua vita; una mostra ne ricostruisce la storia anche attraverso immagini d’archivio, per comprendere come è cambiato e come cambierà.

 

 

Bologna

Via delle Moline, 14c

Dal 19 ottobre al 9 novembre

Dal martedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00.

Bologna illustrata. Mostra.

Disegni di Lucrezia Bugané, Arianna Farricella, Davide Peretti Poggi, Teresa Sdralevich per i libri della collana "Fatterelli bolognesi. Storie della storia di Bologna”. Illustrano le prime quattro delle cronache bolognesi che raccontano ai ragazzi il filo secolare che attraversa la città, tra fonti e finzione, documenti e storie, per l’appunto Storie della Storia di Bologna: Il portico più lungo del mondo, Felsina e la leggenda di Aposa, Il segreto di Marconi, La tribolata storia di un quadro.

Cerca i disegni fra gli oggetti e i giocattoli della Collezione Marzadori, nel negozio di antiquariato arte e design Freakandò.

Per info 051-271404. Entrata libera.

 

 

Bologna

Palazzo D’Accursio

Manica

Piazza Maggiore, 6

Dal 22 ottobre al 30 ottobre

Costruire il Mediterraneo. Le strade dei pellegrini medievali.

Narrazioni di percorsi, luoghi e suggestioni tra Oriente e Occidente. Mostra. A  cura di Giuseppe Solmi Studio Bibliografico e Beatrice Borghi.

La mostra affronta il tema del viaggio devozionale e di scoperta in Europa e in Asia attraverso i diari dei pellegrini medievali. Roma, Santiago di Compostela, Gerusalemme, La Mecca e Kerbala, sono le più ambite e importanti mete per i fedeli delle tre religioni monoteiste.

Molti sono coloro, eroi illustri o misconosciuti, che con audacia hanno camminato nella storia e tra verità e immaginazione hanno svolto un ruolo fondamentale nell’ampliamento degli orizzonti e dei confini, superando paesaggi ostili, pseudo finzioni leggendarie, sfidando l’ignoto e aprendosi alla conoscenza del mondo e a nuove prospettive di avventura. La pratica del pellegrinaggio racconta la storia di un viaggio. Visite guidate Sabato e Domenica e in altri giorni da definire. Durante le visite guidate sarà possibile visionare alcuni manoscritti e libri originali.  Inaugurazione della mostra: 22 ottobre ore 16.30.

 

 

Castel San Pietro Terme (BO)

Saletta espositiva

Via Matteotti, 79

Dal 30 ottobre al 4 novembre; domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 16.30 alle 19.00

Dalle 16.30 alle 19.00

La NAIA non annoia. Mostra.

A cura dell’Associazione Terrastoriamemoria e del Gruppo Alpini di Castel San Pietro Terme.

 

 

Bologna

Museo Beata Vergine di San Luca

Piazza di Porta Saragozza 2/A

Dal 12 al 28 novembre

Martedì-giovedì 9.00-13.00 e 14.00-17.30; sabato 9.00-13.00; domenica 10.00-17.00

A.R.T.- Arte Rame Tradizione. Mostra di Abraxa, a cura di Patrizia Ferrari.

Esposizione di oggetti in rame realizzati completamente a mano, rivisitando temi iconografici dal celtico al contemporaneo rispettando dettami iconici e simbolici dell’arte per il sacro.

A cura del Centro Studi per la Cultura Popolare.

 

 

Bologna

Museo Beata Vergine di San Luca

Piazza di Porta Saragozza 2/A

Dal 1 dicembre 2019 al 12 gennaio 2020

Martedì-giovedì 9.00-13.00 e 14.00-17.30; sabato 9.00-13.00; domenica 10.00-17.00

I Magi nostri contemporanei. Mostra di sculture.

Proseguendo l’opera di attualizzazione delle figure presepiali, iniziata nel 2014, la mostra presenta opere appositamente realizzate dagli scultori: Elisabetta Bertozzi, Giovanni Buonfiglioli, Mirta Carroli, Marco Dugo, Ivan Dimitrov, Francamaria Fiorini, Paolo Gualandi, Luigi E. Mattei.

A cura dell’Associazione “Francesco Francia” e del Centro Studi per la Cultura Popolare.