vai al contenuto della pagina vai al menu di navigazione

Preservare la biodiversità

Proteggere gli ecosistemi naturali dall'invasione umana

 

 

“Secondo Edward Osborne Wilson, ideatore del termine "biodiversità", l'Umanità dovrebbe impegnarsi a utilizzare solo il 50% della superficie del Pianeta Terra, lasciandone metà ad habitat e specie naturali: metà per gli Umani e metà per gli altri abitanti del Pianeta.”

- Alessandro Chiarucci - 


La ricerca

La salvaguardia della biodiversità è una delle più grandi sfide che l'umanità dovrà affrontare nei prossimi decenni, in quanto la crescente popolazione umana utilizza sempre maggiori quantità di risorse naturali. Uno dei problemi maggiori è rappresentato dalla quantità di spazio utilizzato per produrre beni e servizi che va a sottrarre spazio agli habitat e alle specie che sarebbero naturalmente presenti e determinando un decadimento dei servizi eco-sistemici che questi forniscono all'umanità. In Italia, la superficie di aree protette è cresciuta in questi anni ma risulta ancora bassa, specie se si considerano le aree a protezione integrale.

La mia missione di ricerca è quella di capire pattern e i processi della coesistenza delle specie in relazione alla scala spaziale e temporale e di migliorare i metodi di quantificazione della biodiversità. Considero la Scienza come un contributo per un mondo migliore, pacifico e prosperoso, sia per gli uomini che per gli altri abitanti della Terra.

 

Benefici attesi

La ricerca che svolgo ha lo scopo di identificare la porzione del territorio nazionale che è possibile destinare a conservazione integrale dei processi naturali e della biodiversità, garantendo anche funzionalità dei servizi ecosistemici e mitigazione del clima. La superficie attualmente destinata a questo nel nostro Paese è ben al di sotto dell’1%: l’obiettivo è individuare soluzioni per proporre il 10% da destinare a conservazione integrale, stratificandosi nei diversi ecosistemi, e parametrizzando dimensione minima, struttura e funzionalità degli habitat.

UN PROGETTO DI

Alessandro Chiarucci

Professore ordinario di Botanica ambientale e applicata

Dipartimento di Scienze biologiche, geologiche e ambientali

Vai al sito

PAROLE CHIAVE

biodiversità

Biologia della Conservazione

Ecosistemi Naturali

Servizi Ecosistemici

Seguici su: